18.01.12 Milan-Novara

il POST Milan-Novara di Marco Brucculeri

milan-novara

(clicca l'immagine per ingrandirla)

Quando entra nel vivo, anche la Coppa Italia inizia ad avere un suo fascino.
Per questo, a pochi giorni dalla delusione del derby, era importante fare bene questa sera contro il Novara, trovando un passaggio ai quarti di finale apparentemente semplice da raggiungere ma tutt'altro che agevole da ottenere sul campo.

In effetti, l'aspetto positivo e' che la qualificazione e' ottenuta ed ora ai quarti di finale dovremo affrontare la Lazio.
Di sicuro, avremmo pero' voluto passare una serata piu' tranquilla, magari con il risultato positivo gia' largamente guadagnato nella prima frazione di gara, per poterci presto mettere al riparo da eventuali risultati a sorpresa e dal clima rigido di questo gennaio.

Dopo la rete capolavoro realizzata da El Shaarawy, il Milan ha avuto la colpa di non saper chiudere una partita da vincere con piu' autorevolezza, a fronte anche delle buone occasioni capitate sui piedi dei nostri attaccanti. Il risultato di vantaggio minimo, ci ha visti raggiungere da un Novara combattivo e capace con una punizione di rimettere tutto in discussione e costringerci ai tempi supplementari.
Il Milan ha ritrovato il piglio e la determinazione per riportarsi in vantaggio con la rete di Pato e sfiorato la rete del possibile 3 a 1. I piemontesi, nei tempi supplementari, dopo il nostro 2 a 1 si sono sciolti e senza piu' avere la forza per provare a metterci in difficolta', hanno salutato la competizione dandoci il lascia passare per il prossimo turno. Un Milan sicuramente non particolarmente positivo questa sera, capace di complicarsi la vita e costringersi ad altri estenuanti 30 minuti di gioco prima di avere ragione dei propri avversari.

Vediamo con le pagelle Milan Day, la prestazione dei nostri ragazzi:

AMELIA: 5 inoperoso per tutta la partita, si rende complice della rete del pareggio con un tuffo senza slancio ed in ritardo
ANTONINI: 5,5 Prova a spingere ma non riesce mai a mettere cross che possano dare problemi i nostri avversari ne tantomeno a saltare l'uomo creando superiorita' numerica
MEXES: 6 Non ancora al meglio della sua condizione ma si prodiga a chiudere ogni offensiva avversaria, qualche fallo di troppo, tra cui quello che porta alla punizione del pareggio ospite
NESTA: 6,5 Costretto agli straordinari, stringe i denti e gioca 120 minuti attenti ed ermetici
BONERA: 5,5 A coprire e' sempre affidabile ma, vista la pochezza dell'attacco avversario, avremmo voluto vederlo piu' partecipe in fase offensiva
NOCERINO: 6,5 Non si risparmia mai e fino all'ultimo secondo dei tempi supplementari, corre a velocita' doppia e lotta su ogni pallone
AMBROSINI: 6,5 Il Capitano non e' piu' brillante come una volta ma merita un applauso per come lotta e contrasta fino alla fine. Prova anche ad impostare qualche volta e soprattutto nel primo tempo cerca lanci profondi per Pippo come ai vecchi tempi
MERKEL: 6 Il suo ritorno e' prezioso e quantomai necessario in questa emergenza. Si conferma affidabile e volenteroso
EMANUELSON: 5 Schierato anche questa sera come trequartista, sembra a volte rallentare il gioco con eccessive giocate orizzontali. Manca di spunti che possano essere decisivi per il risultato finale
EL SHAARAWY: 7 Tanta qualita' ed un grande goal per il piccolo faraone che continuo a pensare dovrebbe
meritare piu' spazio ad ogni partita
INZAGHI: 5,5 Volenteroso ma impreciso e fuori condizione. Ad inizio ripresa ha una ghiotta occasione che non sfrutta. E' un peccato vederlo uscire sostituito da Pato, visibilmente malcontento.
PATO: 5.5 Segna la rete della vittoria ma sciupa molto e soprattutto non riesce a prendersi la squadra sulle spalle facendo la differenza
ROBINHO: 6 Aggiunge qualita' e spunti finalizzati al buon esito delle azioni offensive sostituendo Emauelson. Colpisce anche il palo
ABATE: S.V ultimo tempo supplementare per lui, a mio avviso ingiudicabile

 

il PRE Milan-Novara di Marco Rizzo

milan-novara

(clicca l'immagine per ingrandirla)

Parola d’ordine : rimuovere il Derby.
Passare oltre a questa settimana infernale e voltare pagina.
Ovviamente traendo insegnamento dagli errori. Ma bisogna reagire subito.

Ora avremo due gare con il Novara e poi quella interna con il Cagliari, prima di un tour de force che ci vedrà affrontare Lazio, Napoli, Udinese, Arsenal e Juventus senza soste.
Servono 3 vittorie. È tassativo.

E bisogna cominciare col passo giusto superando gli ottavi di finale di Coppa Italia. Di fronte, come detto, il Novara.
Una squadra da ammirare per la grande avventura degli ultimi anni. Dalla serie C alla A in 2 anni. Una squadra che mette il cuore e che ha un tifo caloroso.
Ma, obiettivamente, una squadra di livello abbastanza basso. Probabilmente, senza timore di smentita, la meno forte di Serie A.
E proprio questo fattore deve tenere sull’attenti. Fallire costa il doppio.
Fallire questi due appuntamenti col Novara, dopo il Derby e i casini di mercato, rischiano di spaccare un armonia e una situazione positiva che ormai si era instaurata.

Ma Massimiliano Allegri nella scorsa stagione ha dimostrato di saper reggere, e bene, ai momenti di difficoltà. Non solo: parlando di Coppa Italia, ha dimostrato di tenerci.
È una competizione minore, per carità, ma siamo il Milan. Come da dictat presidenziale, partiamo per vincere tutto, e la Coppa Italia manca da troppo tempo in bacheca. È giusto provarci.
Come ci stanno provando le altre grandi. Juventus, Napoli, Lazio e Roma hanno, infatti, già passato il turno. Udinese e Palermo sono state invece eliminate, ma se andassero avanti anche Milan ed Inter, la competizione vedrebbe ai quarti la creme del calcio italiano affrontarsi. Non male, direi.

Una sfida, Milan-Novara, che in Coppa Italia ha un recente precedente. Stagione 2009-2010, sempre ottavi di finale a San Siro. Da una parte il Novara di Tesser, ancora in serie C, e dall’altra il Milan di Leonardo.
Milan in vantaggio con Inzaghi nel primo tempo, raggiunto da Gonzalez quasi al 90’. A risolvere la gara in favore dei rossoneri è Flamini, ai tempi supplementari.
Una gara che per il Novara fu, per tifosi e squadra, più una festa che altro. Ora le cose sono cambiate. Il Novara è finalmente in A, e ora se la gioca. Anche in Coppa Italia.

I piemontesi non se la passano bene. Sono ultimi in classifica, a -6 dalla zona salvezza.
Ma il mercato di Gennaio sta aiutando. Sono infatti arrivati rinforzi in ogni reparto.
In difesa è arrivato l’ex Napoli Rinaudo. A centrocampo, ecco un colpo internazionale : è arrivato dal Werder Brema il tedesco Jensen, che ha avuto esperienze anche in Nazionale.
Davanti, poi, doppio colpo : Mascara, dal Napoli, e l’Airone Caracciolo dal Genoa.
Dunque campagna acquisti importante sostenuta dall’ex dirigente rossonero Pederzoli, uno che sa ben fare il suo mestiere.
I quattro neo arrivi potrebbero essere tutti in campo. Tesser infatti potrebbe voler fare qualche prova alla squadra in vista del Campionato. Tuttavia, le indiscrezioni parlano di ampio turn over. Paci e Dellafiore dovrebbero essere della gaa, perché squalificati in Campionato. Out sicuri invece Ludi, Centurioni, Radovanovic, Lisuzzo e Porcari.
Davanti Tesser potrebbe scegliere Morimoto e Rubino. Tesser si gioca tutto. La dirigenza ha infatti detto apertamente che il futuro del tecnico è legato alle prossime partite. Una dirigenza che vuole ritrovare una squadra più tonica.
Il Novara, infatti, sembra aver perso quella cattiveria, quella voglia, quello spirito combattivo di squadra, che aveva contraddistinto gli inizi in questa stagione con, ad esempio, la clamorosa vittoria sull’Inter di Gasperini.
Quello che chiede la tifoseria, e anche l’allenatore, è ritrovare proprio quello spirito che ha permesso alla favola Novara di realizzarsi.

Il Milan, dal canto suo, è in un momento un po’ cosi’. Del Derby si è parlato, della settimana pre-Derby pure. Per cui ora serve una reazione.
Per quanto riguarda la formazione Allegri ha già dimostrato in passato di non snobbare la coppa. Per cui è lecito aspettarsi anche qualche titolare.
Le indiscrezioni, e come tali vanno prese, al momento in cui scrivo parlano di una formazione con : Amelia, De Sciglio, Nesta, Bonera, Taiwo ; Ambrosini, Boateng, Emanuelson ; Robinho, El Shaarawy e Pato. Con Inzaghi che ha chiaramente possibilità di giocare. Abate, Ibrahimovic e Thiago Silva, dovrebbero, ma il condizionale è d’obbligo, essere risparmiati.

San Siro purtroppo sarà desolatamente vuoto. Questo nonostante il Milan abbia regalato i biglietti agli abbonati. Ormai la tendenza è abbandonare gli stadi. E con certi comportamenti di società e istituzioni, non c’è certo da sorprendersi.
Ma è un discorso da fare in un'altra sede.
Qui conta il campo. Conta vincere e superare il turno.

Forza Ragazzi!

MD in all World's language
 
MD in your language
MD em sua língua
MD dans ta langue
MD en su lengua
MD in Ihrer Sprache
MD 在您的語言
MD in uw taal
MD στη γλώσσα σας
あなたの言語の MD
당신의 언어에 있는 MD
MD в вашем языке
MD i ditt språk

Pubblicitá
 
MD Network
 


MD on YouTube
Grazie della visita
 
 

=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=